Retro Game Designers: Mark Cale e la System 3


Mark Cale e la Software House System 3 su Retro-game.it

Per la serie personaggi eclettici dei videogames oggi ricordiamo Mark Cale, fondatore e mente dietro la software house System 3. Nella foto posa sobriamente vestito da Ninja insieme a Mev Dinc, Hugh Riley e John Twiddy.

Mark Cale e la Software House System 3 su Retro-game.it

Ancora oggi attivo in numerosi campi (non tutti inerenti la tecnologia) negli anni ’80 sapeva come promuovere i suoi videogiochi. Al Personal Computer Show del 1985 a Londra comprò uno stand gigantesco e ci mise tre ballerine mezze nude che sculettavano tra i visitatori minorenni.

Mark Cale e la Software House System 3 su Retro-game.it

Nel 1987, invece, per pubblicizzare Bangkok Knights andò in giro per le strade a cavallo di un elefante e fece a cazzotti con un lottatore vero. Per assumere Matt Gray, che sarebbe diventato un compositore di punta per System 3, invitò a cena lui e… la mamma in un ristorante italiano, offrendogli uno stipendio che per poco non fece svenire la povera donna.

La leggenda vuole che la prima sede della System 3 a Watford fosse una comune casa londinese, ma con la peculiarità di avere un Commodore 64 e un monitor in ogni stanza, bagno compreso.

All’uscita di Last Ninja II, mentre percorreva le strade di Londra in Ferrari, venne inseguito da un ragazzino incazzato perchè il gioco costava tre pound più degli altri.

Mark Cale Last Ninja II Package System 3

A proposito di Last Ninja II, Cale decise di regalare in ogni copia delle prime versioni boxate uno shuriken ed una maschera. Peccato che lo shuriken era a tutti gli effetti un’arma e la cosa non piacque alle associazioni di genitori e a molte catene di distribuzione, che si rifiutarono di esporre il gioco. Per questo l’edizione successiva incluse come gadget una meno mortale mappa di carta.